Case e appartamenti per vacanze

PDFStampaE-mail

  • Ufficio competente

    Per avvio di nuova attività, trasferimento di sede, subingresso, variazione e cessazione dell’attività è competente l' Unità Licenze Mercati Scoperti, Locali di Pubblico Spettacolo e Attività Ricettive.

  • Descrizione


    Sono definite case e appartamenti per vacanze (CAV)  le strutture ricettive gestite in modo unitario e organizzate per fornire alloggio ed eventualmente servizi complementari in unità abitative o parti di esse, con destinazione residenziale , composte da uno o più locali arredati e dotati di servizi igienici e di cucina e collocate in un unico complesso o in più complessi immobiliari.
    Le case e appartamenti per vacanze possono essere gestiti:
    a)     In forma imprenditoriale;
    b)    In forma non imprenditoriale da coloro che hanno la disponibilità fino a un massimo di tre unità abitative e svolgono l’attività in modo occasionale.
    Le case e appartamenti per vacanze mantengono la destinazione urbanistica residenziale e devono possedere i requisiti igienico sanitari ed edilizi previsti per i locali di civile abitazione.

    Secondo la L.R. 27/2015 le locazioni turistiche sono ricomprese nelle CAV e sono soggette a tutti gli obblighi previsti con particolare riferimento all’obbligo di: comunicazione avvio attività, inserimento nel sistema turistico lombardo e nell’elenco pubblico regionale, servizi e standard qualitativi, assicurazione e prezzi e imposta di soggiorno, quest’ultima se prevista dal Comune territorialmente competente.

    In caso di ulteriori dubbi, Regione Lombardia invita a  compilare  e trasmettere il form presente sul sito di Regione Lombardia nella sezione D.G. Sviluppo economico al seguente link.




  • Requisiti


    Requisiti soggettivi:




  • Presentazione della domanda


    Per aprire e/o modificare o cessare l’esercizio dell’attività occorre presentare, esclusivamente per via telematica al SUAP, tramite la piattaforma nazionale “Impresainungiorno.gov.it”, una comunicazione, completa della documentazione richiesta, inclusi:

    • Planimetria catastale in scala 1:200 o planimetria in scala 1:100 o 1:50.



    L’attività può essere iniziata e/o modificata dalla presentazione della Comunicazione (Informazioni sulle modalità di inoltro telematico della SCIA).




    N.B. A seguito dell’entrata in vigore della L. R. LOMBARDIA 25/01/2018, n. 7 “Integrazione alla legge regionale 1° ottobre 2015, n. 27 (Politiche regionali in materia di turismo e attrattività del territorio lombardo).
    Istituzione del codice identificativo da assegnare a case e appartamenti per vacanze” con la quale è stato è stato previsto che ad ogni casa e appartamento per vacanza deve essere attribuito un codice identificativo di riferimento (CIR) da riportare su tutti gli scritti o stampati o supporti digitali o su qualsiasi altro mezzo utilizzato per la pubblicità, promozione e commercializzazione delle unità abitative di cui sopra, considerato che tale codice è riferito al numero di protocollo rilasciato al momento della ricezione della comunicazione di avvio attività, per ogni nuova o modifica/variazione di CAV esistente dovrà essere inoltrata una Comunicazione di Inizio Attività.

    Non potranno essere più inoltrare comunicazioni cumulative anche in caso di CAV imprenditoriali.








  • Modulistica

  • Riferimenti di legge


    Legge Regionale 1 ottobre 2015 n. 27 s.m.i.
     - Politiche regionali in materia turismo e attrattività del territorio lombardo.



    Regione Lombardia - Decreto direttore generale 16 maggio 2016 - n. 4275
    Approvazione degli schemi di comunicazione per chi offre alloggio in case e appartamenti per vacanze - revoca del d.d.g. del 6 maggio 2016, n. 3964.


    Regolamento Regionale 5 agosto 2016, n.7 - Definizione dei servizi, degli standard qualitativi e delle dotazioni minime obbligatorie degli ostelli per la gioventù, delle case appartamenti per vacanze, delle foresterie lombarde, delle locande e dei bed and breakfast e requisiti strutturali ed igienico - sanitari dei rifugi alpinistici ed escursionistici in attuazione dell'art. 37 della legge regionale 1° ottobre 2015, n.27.



  • Note



    Gli obblighi da rispettare nell’esercizio dell’attività sono: