Medie e grandi strutture di vendita

Sono medie strutture di vendita gli esercizi commerciali per la vendita al dettaglio in area privata con superficie di vendita da 251 mq fino a 2500 mq.

Sono grandi strutture di vendita gli esercizi commerciali per la vendita al dettaglio in area privata con superficie di vendita superiore a 2500 mq.

Per centro commerciale si intende una media o grande struttura di vendita nella quale più esercizi commerciali sono inseriti in una struttura a destinazione specifica e usufruiscono di infrastrutture comuni e spazi di servizio gestiti unitariamente.
Per superficie di vendita di un centro commerciale si intende quella risultante dalla somma delle superfici di vendita degli esercizi al dettaglio in esso presenti.

L’attività commerciale può essere esercitata con riferimento ai settori merceologici alimentare e non alimentare.

Ufficio competente

Per avvio di nuova attività, trasferimento di sede, subingresso e variazione dell’attività è competente l'Unità pianificazione urbanistico commerciale esercizi in sede fissa.

Requisiti soggettivi:

Se l'attività commerciale viene svolta in forma societaria il possesso dei requisiti professionali (quando previsti) è richiesto al legale rappresentante oppure ad un'altra persona specificamente preposta (delegata) dalla società all'attività commerciale.

Il possesso dei requisiti morali deve essere autocertificato dal legale rappresentante e da tutti i componenenti del consiglio di amministrazione in caso di S.p.A. e S.r.l., dai soci accomandatari in caso di s.a.s., dai soci amministratori in caso di s.n.c.

Per aprire, ampliare la superficie di vendita , variare il settore merceologico/tabelle speciali, trasferire  una media/grande struttura di vendita occorre presentare domanda, munita di marca da bollo e corredata dei necessari documenti (Modello apertura - ampliamento superficie - variazione settore merceologico - trasferimento).

Le domande di autorizzazione per le medie strutture di vendita si intendono accolte qualora, entro novanta giorni dalla presentazione della domanda, non sia stato comunicato un provvedimento di diniego.

L’autorizzazione rilasciata dall’ufficio, al termine dell’istruttoria, che include anche la verifica di ammissibilità urbanistica dell’intervento, sulla base delle disposizioni e degli obiettivi regionali adottati, consente di iniziare, modificare o trasferire l’attività.

Per prorogare la sospensione di  una media/grande struttura di vendita occorre presentare domanda, corredata dei necessari documenti.

Per  ridurre la superficie di vendita (senza ridistribuzione di superficie lorda e/o di vendita) di una media/grande struttura di vendita occorre presentare comunicazione completa della documentazione richiesta  (Modello riduzione superficie di vendita - autorizzazione amministrativa in essere - documento di identità di tutti i soggetti che hanno sottoscritto autocertificazioni - planimetrie dello stato di fatto/progetto in scala 1.100 dei vari piani, con l’esatta indicazione delle destinazioni d’uso in atto, riportante le superfici espresse in mq. con i relativi calcoli analitici e l’eventuale indicazione grafica della superficie di vendita e della superficie commerciale e della superficie lorda pavimento, firmata da professionista abilitato e dal richiedente dell’autorizzazione).

Per ridistribuire la superficie lorda e/o di vendita, ampliare per accorpamento di superficie  una media/grande struttura di vendita occorre presentare comunicazione completa della documentazione richiesta (Modello ampliamento per accorpamento - ridistribuzione sup. vendita e/o lorda) Determinazione Dirigenziale n. 1/19 del 02/01/2019 P.G. 1360.

Per redistribuire la superficie di vendita senza aumento della superficie di vendita né della superficie lorda di pavimento in attività già autorizzate che non prevedono variazioni nelle modalità delle operazioni e delle aree di carico e scarico delle merci e contemplano opere edilizie minori soggette a CILA senza cambi di destinazioni d’uso è necessario presentare domanda (utilizzando il modello "riduzione superficie di vendita" indicando: variazione layout senza modifica di sdv e slp e senza ridistribuzione delle stesse), munita di marca da bollo e corredata delle planimetrie dello stato di  fatto e di progetto , di copia del titolo edilizio presentato, della relazione descrittiva dell’intervento (vedi sez. riferimenti di legge Disposizione di Servizio P.G. n. 0480845/2020).

N.B. Qualora si trattasse di attività di vendita settore alimentare occorre presentare esclusivamente per via telematica al SUAP (Sportello Unico Attività Produttive) del Comune di Milano tramite la piattaforma nazionale Impresainungiorno.gov.it anche notifica ATS.

Le istanze e le comunicazioni devono essere presentate in formato cartaceo a:
Direzione Economia Urbana e Lavoro
Area Attività Produttive e Commercio
Ufficio Protocollo
Via Larga n. 12 – 3° piano – stanza n. 366

 

 

Per la presentazione delle seguenti comunicazioni:

  • subentrare nell'esercizio dell'attività (compravendita, cambio denominazione, cessione quote, trasformazione società, affittanza d’azienda, fusione, scissione, incorporazione ecc.);
  • sospendere l'attività;
  • cessare l'attività in modo definitivo o per trasferimento di proprietà;
  • comunicare l'affido in gestione di reparto (avvio, subingresso, sub affido e loro variazioni);
  • comunicare la cessazione dell'affido in gestione di reparto e sub affido in gestione di reparto;
  • variazioni soggetti (titolarità dei requisiti, cambio delle persone a seguito di modifiche societarie);
  • autorizzazione per la vendita di oggetti preziosi;
  • autorizzazione per la vendita di armi diverse da quelle da guerra;
  • notifica di registrazione o aggiornamento dell'attività alimentare presso l'ATS competente;
  • vendite straordinarie di liquidazione.


Occorre invece presentare domanda, esclusivamente per via telematica al SUAP (Sportello Unico Attività Produttive) del Comune di Milano tramite la piattaforma nazionale Impresainungiorno.gov.it.

La procedura si sviluppa attraverso la compilazione guidata di uno “schema” che andrà a formare, sulla base delle informazioni fornite, il modulo telematico.


Alla Comunicazione così redatta devono essere inoltre allegati:

Per subingresso o variazione soggetti in una Media/Grande struttura di vendita esistente:

  • schede per dichiarazione possesso requisiti morali previsti dall'art. n. 71 del D.lgs n. 59/2010 compresa Legge antimafia di tutti soci/componenti organo di amministrazione in caso di Società;
  • schede per la dichiarazione del possesso dei requisiti morali e/o professionali  per settore alimentare previsti dall'art. n. 71 del D.lgs n. 59/2010 compresa Legge Antimafia dell’eventuale soggetto preposto;
  • documento di identità di tutti i soggetti che hanno sottoscritto autocertificazioni;
  • copia della ricevuta di versamento oneri ATS Città Metropolitana (solo per settore alimentare);
  • eventuale modello Procura per la sottoscrizione digitale della documentazione da parte di tutti i soggetti specificati;
  • atto notarile registrato;
  • verbali di assemblea ordinaria e/o straordinaria;
  • autorizzazione amministrativa in essere.

N.B. Qualora si trattasse di attività di vendita settore alimentare occorre presentare anche notifica ATS.

Per  la cessazione definitiva dell'attività esistente:

  • documento di identità del titolare/legale rappresentante;
  • eventuale procura per la sottoscrizione digitale della documentazione;
  • autorizzazione commerciale in essere.

Per  la cessazione per trasferimento di proprietà dell'attività esistente:

  • documento di identità del titolare/legale rappresentante;
  • eventuale procura per la sottoscrizione digitale della documentazione;
  • autorizzazione commerciale in essere;
  • atto notarile.

N.B. Qualora si trattasse di attività di vendita settore alimentare occorre presentare anche notifica ATS.

Per gli affidi e/o subaffidi di reparto:
(da compilarsi preferibilmente da parte del soggetto affidatario), allegando i seguenti documenti obbligatori:

  • copia contratto di affido/sub affido riportante la superficie complessiva del corner, il settore merceologico,la durata e l’eventuale risoluzione; 
  • planimetria corner;
  • documento di identità del titolare/legale rappresentante;
  • eventuale procura per la sottoscrizione digitale della documentazione;
  • schede per dichiarazione possesso requisiti morali previsti dall'art. n. 71 del D.lgs n. 59/2010 compresa Legge antimafia di tutti soci/componenti organo di amministrazione in caso di Società;
  • allegato B del soggetto preposto nominato dall’affidatario (per il settore merceologico alimentare) con relativo documento d’identità
  • schede per la dichiarazione del possesso dei requisiti morali e/o professionali  per settore alimentare previsti dall'art. n. 71 del D.lgs n. 59/2010 compresa Legge Antimafia dell’eventuale soggetto preposto nominato dall’affidatario;
  • copia della ricevuta di versamento oneri ATS Città Metropolitana (solo per settore alimentare).

La presentazione della Comunicazione consente di iniziare subito l’attività.

Nell’eventualità che, la presentazione della comunicazione, avvenisse da parte della società affidante, oltre agli allegati sopra specificati, è necessario che venga inclusa la seguente ulteriore documentazione riferita alla società affidataria:

  • schede per dichiarazione possesso requisiti morali previsti dall'art. n. 71 del D.lgs n. 59/2010 compresa Legge antimafia di tutti soci/componenti organo di amministrazione in caso di Società; 
  • documento di identità del titolare/legale rappresentante.
     

Al momento della presentazione della Comunicazione tramite Impresainungiorno.gov.it, l’utente riceve una RICEVUTA, che costituisce titolo abilitativo per l’avvio immediato dell’attività ai sensi dell’art. 5, commi 4 e 6 del D.P.R. n. 160/2010.

Per le medie strutture di vendita il procedimento di autorizzazione commerciale è contestuale a quello abilitativo di carattere urbanistico edilizio.

N.B. Ogni variazione strutturale di tipo edilizio che comporti una modifica della superficie di vendita e/o della superficie lorda dovrà essere oggetto di domanda/comunicazione da inoltrare Area Attività Produttive e Commercio ai fini dell'aggiornamento del titolo autorizzatorio. 

Per le grandi strutture di vendita l'apertura, il trasferimento e l'ampliamento sono soggetti ad autorizzazione rilasciata dal comune competente per territorio, a seguito della conferenza di servizi che si tiene in Regione ai sensi dell'articolo 9, comma 3, del D.Lgs n. 114/1998. 

Le domande sono valutate in ordine di precedenza cronologica e, tra domande concorrenti, la precedenza o la concorrenza sono accertate su base regionale in relazione al mese di calendario in cui risultano pervenute alla Regione.

N.B. Il rilascio delle Autorizzazioni verrà effettuato tramite appuntamento previo contatto telefonico.

Modulistica medie e grandi strutture di vendita

Legge Regionale 2 Febbraio 2010 n. 6 – Testo unico delle leggi regionali in materia di commercio e fiere.

Decreto Legislativo 31 marzo 1998 n. 114 – Riforma della disciplina relativa al settore del commercio, a norma dell'articolo 4, comma 4, della legge 15 marzo 1997 n. 59.

Determinazione Dirigenziale n. 1 del 02/01/2019 – Disposizioni procedurali riferite ad istanze per rimodulazioni superfici di medie strutture di vendita diverse, oggetto di un titolo edilizio unico.

Deliberazione Giunta Regionale 20 dicembre 2013 n. X/1193 – Disposizioni attuative finalizzate alla valutazione delle istanze per l’autorizzazione all’apertura o alla modificazione delle grandi strutture di vendita conseguenti alla d.c.r. 12 novembre 2013 n. 8/187 “Nuove linee per lo sviluppo delle imprese del settore commerciale”.

Disposizione di Servizio P.G. n. 0480845_2020 - Procedimenti autorizzativi, SCIA e comunicazioni medie strutture di vendita.

AVVISO: nel caso di istanze non correttamente compilate in relazione agli elementi oggettivi e soggettivi essenziali così come sopra descritti non potrà essere avviato l'iter istruttorio e l'Amministrazione procederà ai sensi di Legge al rigetto dell'istanza.

La validità dell’autorizzazione è permanente, salvo modifiche sostanziali relative al soggetto titolare o alla struttura.

Aggiornato il: 27/04/2021