Dal 7 maggio 2018 la marca da bollo diventa digitale

PDFStampaE-mail


Dal 7 maggio 2018, grazie alla collaborazione tra  Suap di Milano – Camera di Commercio metropolitana – Infocamere, all’atto della presentazione di alcune pratiche di pertinenza dello Sportello Unico Attività Produttive, il versamento dell’imposta di bollo potrà avvenire  in modalità telematica,  tramite PagoPA, il sistema dei pagamenti elettronici che consente a cittadini e imprese di pagare in modalità veloce, facile e sicura.
 

Per molto tempo, il pagamento della marca da bollo ha rappresentato uno dei principali ostacoli alla dematerializzazione di documenti e procedimenti  nella Pubblica Amministrazione.
 
In particolar modo, tale vincolo sussisteva per le cd. “istanze”, ovvero le richieste di autorizzazione che,  a differenza della Scia (Segnalazione Certificata di Inizio Attività),  sono assoggettate ad imposta di bollo ai sensi del D.P.R. 642/1972.
 
Dal 7 maggio 2018, grazie alla collaborazione tra  Suap di Milano – Camera di Commercio metropolitana – Infocamere, all’atto della presentazione di alcune pratiche di pertinenza dello Sportello Unico Attività Produttive, il versamento dell’imposta di bollo  potrà essere effettuato in modalità telematica,  tramite PagoPA, il sistema dei pagamenti elettronici che consente a cittadini e imprese di pagare in modalità veloce, facile e sicura.

 
La possibilità di avvalersi del nuovo  regime di pagamento riguarderà le istanze relative a:

- Autorizzazione Unica Ambientale
- Stazioni Radio Base per la Telefonia Mobile
- Istanze per la vendita di preziosi
attualmente tutte compilabili e presentabili tramite la piattaforma telematica Impresainungiorno.gov.it


Il pagamento digitale verrà richiesto nel corso della compilazione della pratica e potrà essere effettuato mediante bonifico , carta di debito o carta di credito.
 
La nuova modalità, ancora non vincolante, non esclude la possibilità di continuare temporaneamente ad avvalersi dell’autodichiarazione sostitutiva finora accettata in virtù della previsione di cui all’art. 3 del D.M. 10.11.2011.


Il presente avviso ha pertanto anche la finalità di rendere possibile agli utenti lo smaltimento per tempo di marche da bollo possedute e non utilizzate.