Vendita all'interno di mercati comunali coperti

PDFStampaE-mail


  • Ufficio competente


    Per avvio di nuova attività, subingresso e variazione delle tipologie merceologiche è competente l'Unità progetti per la valorizzazione commerciale del territorio.




  • Descrizione

    I mercati comunali coperti sono edifici pubblici dotati di posteggi per la vendita al minuto.


    I mercati comunali coperti sono 23: (Elenco Mercati)

    - 21 specializzati nell’offerta di generi alimentari (prodotti esclusivamente di non propria produzione, prodotti esclusivamente di propria produzione, prodotti di entrambe le tipologie) e di largo consumo;
    - 2 di fiori recisi.


    Per esercitare il commercio nel mercato è necessario essere in possesso della concessione di posteggio.


    Il commerciante-concessionario è considerato ad ogni effetto come incaricato di attività di servizio pubblico.


    L’attività di vendita è regolamentata dall’amministrazione comunale che, al fine di ottenere la più ampia varietà merceologica, stabilisce la tipologia delle concessioni da rilasciare e disciplina gli orari di esercizio.





  • Requisiti

    Requisiti soggettivi

    Per svolgere l’attività è necessario soddisfare:

    1) i requisiti di cui all’art. 67 del D.Lgs. 159/11 (legge antimafia);

    2) i requisiti di cui all’art. 65 della Legge Regionale 2 febbraio 2010 n. 6;

    3) i requisiti morali previsti dall’art. 71, cc. 1, 2, 3, 4 e 5 del Decreto Legislativo 26 marzo 2010 n. 59 ss. mm. ii e di cui all’art. 20, cc. 1,2,3,4,5 della Legge Regionale 2 febbraio 2010 n. 6  ss. mm. ii.


    I requisiti morali devono essere posseduti:

    a) dal legale rappresentante, da persona preposta all’attività commerciale e da tutti i soggetti di cui all’art. 2, c. 3 del D.P.R. n. 252/98 per le società (da tutti i componenti del CdA in caso di S.p.A e S.r.l., dai soci accomandatari in caso di Sas e dai soci amministratori in caso di Snc), le associazioni e gli organismi collettivi;
    b) dal titolare e da persona preposta all’attività commerciale per l’impresa individuale.

    4) il requisito professionale (solo per il commercio del settore alimentare) di cui all’art. 71 cc. 6 e 6 bis del D. Lgs 59/2010 e ss. mm. ii. e di cui agli artt. 20 c. 6  e 66 c.1 lett. a, b, c della L.R. 6/2010 e ss. mm. ii.

    Lo svolgimento di attività per le quali la legge prescrive il possesso di specifici requisiti professionali (es. attività di somministrazione di cibi e bevande, farmacia, pulitintolavanderia, attività artigianali di servizi alla persona ecc.) è subordinato al possesso del requisito stesso.


    I requisiti professionali devono essere posseduti:

    a) dal legale rappresentante oppure da persona preposta all’attività commerciale, per le società, le associazioni e gli organismi collettivi;
    b) dal titolare e da persona preposta all’attività commerciale per l’impresa individuale.



        
  • Presentazione della domanda

    Assegnazione tramite Avviso Pubblico:

    L’amministrazione indice periodicamente un avviso pubblico per l’assegnazione dei posteggi che si rendono liberi all’interno dei mercati comunali coperti.
    Nell'avviso sono elencati i mercati interessati con l’ubicazione dei relativi posteggi, le modalità di presentazione dell’offerta economica progettuale, i termini di partecipazione e la documentazione necessaria.


    Subingresso:

    E' possibile richiedere il subingresso nella concessione dei posteggi attivi.

    A seguito della determinazione dirigenziale 101/2011 dal 26 settembre 2011 è possibile procedere al subingresso in una concessione di posteggio solamente a seguito della formalizzazione con atto pubblico della cessione d’azienda (o di ramo d’azienda),tra un concessionario cedente verso un subentrante.
    Il subentrante in possesso dei requisiti morali e professionali previsti è tenuto a presentare domanda utilizzando l’apposita modulistica, completa della documentazione richiesta.


    Nei casi di subentro in attività di somministrazione, lavanderia, farmacia ed attività artigianali di servizio alla persona è necessario presentare anche la documentazione relativa e specifica per ogni servizio.


    Per i commercianti di generi alimentari occorre presentare la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA).







  • Modulistica

  • Riferimenti di legge


    Decreto Legislativo n. 159/2011
     
    e sue modifiche e integrazioni  - Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136.


    Legge Regionale 2 febbraio 2010 n. 6
     e sue modifiche ed integrazioni - Testo unico delle leggi regionali in materia di commercio e fiere.



    Decreto Legislativo 26 marzo 2010 n. 59 e sue modifiche e integrazioni - Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato. interno.



    Regolamento comunale mercati comunali coperti


    Determinazione Dirigenziale n. 37/18 del 5/4/2018 P.G. 157471 - Autorizzazione ai concessionari dei Mercati Comunali Coperti che esercitano attività di vendita di prodotti di carne e pesce, allo svolgimento delle stesse in tutte le forme e modalità consentite dalle normativa vigente nazionale e regionale con consumo sul posto senza somministrazione, quale attività strumentale e accessoria all'attività principale.





  • Note


    La modulistica va compilata correttamente in ogni sua parte. La stessa è composta da allegate dichiarazioni, alle domande di concessione/subingresso, rese ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/00 e soggette a controlli ai sensi dell’art.71 dello stesso decreto presidenziale.



    Le domande, in duplice copia e in marca da bollo, possono essere consegnate al Comune di Milano:

    Direzione Economia Urbana e Lavoro
    Area Attività Produttive e Commercio
    Unità progetti per la valorizzazione commerciale del territorio
    Via Larga n. 12 
    3° piano - stanza 347/A
    Orari apertura al pubblico: lunedì/mercoledì/venerdì dalle ore 9.30 alle ore 11.30 e dalle ore 14.00 alle ore 15.00.




    Per il ritiro della concessione occorre presentare ricevuta del deposito cauzionale (1/4 del canone annuo di concessione) effettuato presso la Ragioneria Civica del Comune di Milano, il versamento della tassa di concessione di Euro 258,23.