Vendita in sede fissa

PDFStampaE-mail

   
  • Descrizione

    Per commercio in sede fissa (su area e locali privati) si intende la vendita sia al dettaglio che all'ingrosso di merci, alimentari e non alimentari, effettuata in modo professionale.
    Per commercio al dettaglio si intende l'attività svolta da chiunque professionalmente acquista merci in nome e per conto proprio e le rivende, su aree private in sede fissa o mediante altre forme di distribuzione, direttamente al consumatore finale.
    Per commercio all'ingrosso si intende l'attività svolta da chiunque professionalmente acquista merci in nome e per conto proprio e le rivende ad altri commercianti, all'ingrosso o al dettaglio, o ad utilizzatori professionali o ad altri utilizzatori in grande.

    Vendita promozionale

    Le vendite promozionali sono effettuate dall'operatore commerciale al fine di promuovere la vendita di uno, più o tutti i prodotti della gamma merceologica, applicando sconti o ribassi sul prezzo normale di vendita.

    Le vendite promozionali dei prodotti non alimentari di carattere stagionale o articoli di moda e, in genere, prodotti che, se non venduti entro un certo tempo, siano comunque suscettibili di notevole deprezzamento, in Lombardia, richiamata la L.R. n.9/2017, possono essere effettuate tutto l'anno, tranne nel periodo di effettuazione dei saldi (periodi sotto riportati) e nei trenta giorni antecedenti i saldi stessi.



    Le vendite promozionali dei prodotti alimentari, dei prodotti per l'igiene della persona e per l’igiene della casa non sono soggette alle suddette limitazioni.


    Vendita straordinaria

    Le imprese commerciali che sono in attività possono effettuare i seguenti tipi di vendita straordinaria:

    Vendita di fine stagione (saldi)

    Possono essere posti in saldo tutti i prodotti di carattere stagionale o articoli di moda e in genere prodotti che, se non venduti entro un certo tempo, siano comunque suscettibili di notevole deprezzamento. Questo tipo di vendita può essere effettuato soltanto in due periodi dell'anno e per una durata massima di 60 giorni.

    La Regione Lombardia ha determinato le date di decorrenza delle vendite di fine stagione (saldi) nel modo seguente:
    • per i saldi invernali, il primo giorno feriale antecedente l'Epifania, per una durata di 60 giorni;
    • per i saldi estivi, il primo sabato del mese di luglio, per una durata di 60 giorni.


     
    Regione Lombardia - vendita di fine stagione (saldi)



    Vendita di liquidazione

    È effettuata al fine di esaurire tutta la merce a seguito di:


    • cessazione dell'attività: si può effettuare in qualsiasi periodo dell'anno per una durata massima di 13 settimane;

    • trasferimento in gestione o cessione in proprietà d'azienda: si può effettuare in qualsiasi periodo dell'anno per una durata massima di 13 settimane;

    • trasferimento dell'azienda in altro locale: si può effettuare in qualsiasi periodo dell'anno per una durata massima di 13 settimane;

    • trasformazione o rinnovo dei locali: si può effettuare per una sola volta in ciascun anno solare per una durata massima di 6 settimane. L'operatore commerciale ha l'obbligo di chiusura dell'esercizio (per consentire la trasformazione o il rinnovo) per un periodo pari ad un terzo della durata della vendita di liquidazione e, comunque, per almeno sette giorni, con decorrenza dalla cessazione della vendita straordinaria.  La vendita è sempre liberamente praticabile nei mesi di febbraio ed agosto; non può essere effettuata nei 30 giorni antecedenti la vendita di fine stagione.



  • Presentazione della domanda

    Per effettuare una vendita promozionale o una vendita di fine stagione non occorre inviare alcuna comunicazione.

    Per effettuare una vendita di liquidazione occorre inviare una comunicazione, esclusivamente per via telematica al SUAP (Sportello Unico Attività Produttive) del Comune di Milano tramite la piattaforma nazionale “Impresainungiorno.gov.it”,
    almeno quindici giorni prima della data di inizio:

    • nel caso di vendite di liquidazione per cessazione dell’attività commerciale o per trasferimento in gestione o cessione in proprietà di azienda, il titolare dell'attività, per un periodo di almeno sei mesi successivi alla vendita di liquidazione, non può aprire un nuovo esercizio dello stesso settore merceologico nei medesimi locali;
    • le comunicazioni riguardanti le vendite di liquidazione per trasferimento in gestione o la cessione in proprietà di azienda devono indicare, o recare accluso in copia, l’atto registrato che attesti l’avvenuto trasferimento. È facoltà dell’esercente produrre tale atto entro il termine del periodo di durata della vendita di liquidazione;
    • le comunicazioni relative a vendite di liquidazione per trasferimento in altro locale devono recare indicazione, anche mediante allegazione in copia, della comunicazione di trasferimento per gli esercizi di vicinato, ovvero dell’autorizzazione al trasferimento per le medie e le grandi strutture di vendita;
    • le comunicazioni relative a vendite di liquidazione per trasformazione o rinnovo locali devono recare indicazione anche mediante allegazione in copia, delle comunicazioni, autorizzazioni o permessi previsti dalle leggi edilizie. Per le operazioni di rinnovo di minore entità quali, ad esempio, la tinteggiatura delle pareti, la sostituzione degli arredi, la riparazione o sostituzione di impianti, la comunicazione deve recare una descrizione della natura effettiva dell'intervento.
      Le comunicazioni relative a vendite di liquidazione per trasformazione o rinnovo locali devono, in ogni caso, indicare esattamente il periodo di chiusura di cui all’art. 114, comma 5, della Legge Regionale 2 febbraio 2010, n. 6.



    Nei casi previsti all’art. 114, comma 1, lettere a), b) e c) della Legge Regionale sopra citata le autorizzazioni o abilitazioni all'attività di vendita al dettaglio mantengono la loro validità per la durata delle vendite di liquidazione e, comunque, non oltre il termine massimo di 13 settimane.

    È vietata l'effettuazione di vendite di liquidazione con il sistema del pubblico incanto.

    Dall'inizio delle vendite di liquidazione, è vietato introdurre nei locali e nelle pertinenze dell'esercizio di vendita merci del genere di quelle offerte in vendita di liquidazione, siano esse acquistate o acquisite ad altro titolo, anche in conto deposito.

    Per gli aspetti inerenti la pubblicità è necessario rivolgersi al Settore Pubblicità e Servizi Ambientali - Ufficio accettazione.





  • Modulistica

  • Riferimenti di legge


    Legge Regionale 2 febbraio 2010, n.6
     - Testo unico delle leggi regionali in materia di commercio e fiere.


    Legge Regionale 27 marzo 2017  n. 9 - Modifiche alla legge regionale 2 febbraio 2010, n. 6 (Testo unico delle leggi regionali in materia di commercio e fiere) concernenti la disciplina delle vendite di liquidazione e promozionali.


    Determinazione Dirigenziale n. 141 del 31/10/2018 P.G. 0480177/18 - Anomalia procedurale per le comunicazioni riferite alle vendite di liquidazione.